Skip to main content

Padre Giuseppe Carulli nuovo Direttore della Caritas diocesana di Pozzuoli

Padre Giuseppe Carulli nuovo 
Direttore della Caritas diocesana di Pozzuoli

Oggi 3 giugno 2024 il Vescovo di Pozzuoli Mons. Carlo Villano ha nominato il nostro caro Padre Giuseppe Carulli CM a Direttore della Caritas diocesana per 5 anni, con inizio del mandato il 7 giugno.

Ringraziamo il nostro Pastore e Vescovo Carlo per la fiducia accordata al nostro confratello in questo ruolo di grande rilevanza pastorale e sociale, riconoscendo in lui qualità e competenza.

Da sempre Padre Giuseppe, seguendo le orme del nostro Fondatore San Vincenzo de Paoli e forgiato dalla sua spiritualità, ha servito i poveri nei vari ruoli che la comunità gli affidava con intelligenza e creatività. Ha coperto anche il ruolo di Direttore Caritas nella diocesi di Melfi (PZ) dal 2002 al 2007 divenendo anche delegato regionale della Basilicata.

Accompagniamolo con la nostra preghiera in questo nuovo servizio che la Chiesa gli chiede.

RUOLO DEL DIRETTORE

«Decisiva è la figura del direttore, prete o laico, diacono o religioso/a, uomo o donna: competenza pastorale e coinvolgimento personale sono due qualità fondamentali, a cui molti fattori consigliano di unire la disponibilità del tempo pieno. Il direttore di una Caritas diocesana è chiamato a:

  • dar vita a una rete di collaborazioni, trovando e formando persone idonee secondo i vari settori e uffici in cui la Caritas si articola;
  • lavorare in sintonia e osmosi con gli altri ambiti della pastorale diocesana (in particolare con Ufficio catechistico e liturgico); e sviluppare un rapporto intelligente con il sociale e il civile; creare sintonia in ambiente ecclesiale.

L'attività pastorale impegna il direttore della Caritas diocesana ad assumere numerosi e assai differenziati ruoli (formatore, comunicatore, esperto nella lettura del contesto, organizzatore, gestore di risorse umane, esperto nella progettazione, ...). È a partire da questo insieme di elementi, che il direttore è nominato dal proprio vescovo ad assumere la responsabilità di promuovere la testimonianza della carità e ad individuare, in comunione con lui, le priorità dell'organismo di anno in anno.

Competono, inoltre, al direttore:
• la progettazione e la gestione complessiva delle attività della Caritas diocesana; l'organizzazione del lavoro; la partecipazione ai tavoli di lavoro unitari in Diocesi, e a quelli istituzionali; la partecipazione ai lavori della Delegazione regionale Caritas italiana; le funzioni di rappresentanza nei confronti delle Istituzioni e dei soggetti ecclesiali.