Skip to main content

9 Maggio: Solennitร  di Santa Luisa de Marillac, Cofondatrice della Compagnia delle Figlie della Caritร 

๐Ÿ— ๐Œ๐š๐ ๐ ๐ข๐จ - ๐’๐จ๐ฅ๐ž๐ง๐ง๐ข๐ญ๐šฬ€
๐‘†๐‘Ž๐‘›๐‘ก๐‘Ž ๐ฟ๐‘ข๐‘–๐‘ ๐‘Ž ๐‘‘๐‘’ ๐‘€๐‘Ž๐‘Ÿ๐‘–๐‘™๐‘™๐‘Ž๐‘
 

Nacque il 12 agosto 1591. Per la salute cagionevole non fu accolta tra le Cappuccine.
Andรฒ sposa ad Antonio Le Gras il 5 febbraio 1613; rimasta vedova, il 21 dicembre 1625 fece voto di vedovanza e si scelse come direttore spirituale san Vincenzo deโ€™ Paoli. Sotto la sua guida si adoperรฒ moltissimo a soccorrere i poveri e a visitare le Confraternite della Caritร . Il 29 novembre 1633 fu presente alla nascita della Compagnia delle Figlie della Caritร . Morรฌ il 15 marzo 1660. Fu beatificata il 9 maggio 1920 e canonizzata lโ€™11 marzo 1934. Il 10 febbraio 1960 Giovanni XXIII la dichiarรฒ patrona celeste di tutti coloro che sono impegnati nelle opere sociali cristiane.

Se nella fine si manifesta ciรฒ che siamo in una maniera piรน vera, vale la pena ricordare come Santa Luisa ha lasciato questa terra per raggiungere il Cielo. Sentendo sopraggiungere la fine dei suoi giorni, la mattina del 15 marzo 1660, ๐ฌ๐ž๐ง๐ญ๐ž ๐ข๐ฅ ๐๐ž๐ฌ๐ข๐๐ž๐ซ๐ข๐จ ๐๐ข ๐š๐ฏ๐ž๐ซ๐ž ๐ฎ๐งโ€™๐ฎ๐ฅ๐ญ๐ข๐ฆ๐š ๐›๐ž๐ง๐ž๐๐ข๐ณ๐ข๐จ๐ง๐ž ๐๐š ๐’. ๐•๐ข๐ง๐œ๐ž๐ง๐ณ๐จ: โ€œ๐‘ƒ๐‘Ž๐‘‘๐‘Ÿ๐‘’, ๐‘š๐‘Ž๐‘›๐‘‘๐‘Ž๐‘ก๐‘’๐‘š๐‘– ๐‘ข๐‘›๐‘Ž ๐‘Ÿ๐‘–๐‘”๐‘Ž ๐‘ ๐‘œ๐‘™๐‘Ž ๐‘ ๐‘๐‘Ÿ๐‘–๐‘ก๐‘ก๐‘Ž ๐‘‘๐‘Ž ๐‘ฃ๐‘œ๐‘–, ๐‘โ„Ž๐‘’ ๐‘š๐‘– ๐‘๐‘œ๐‘Ÿ๐‘ก๐‘– ๐‘™๐‘Ž ๐‘๐‘’๐‘›๐‘’๐‘‘๐‘–๐‘ง๐‘–๐‘œ๐‘›๐‘’ ๐‘ฃ๐‘œ๐‘ ๐‘ก๐‘Ÿ๐‘Ž ๐‘’ ๐‘ž๐‘ข๐‘’๐‘™๐‘™๐‘Ž ๐‘‘๐‘– ๐ท๐‘–๐‘œโ€.
San Vincenzo ascoltata questa richiesta chiamรฒ un confratello e lo mandรฒ a Santa Luisa con questa parole: โ€œ๐‘ด๐’‚๐’…๐’‚๐’Ž๐’Š๐’ˆ๐’†๐’๐’๐’‚ ๐’—๐’๐’Š ๐’‘๐’‚๐’“๐’•๐’Š๐’•๐’† ๐’‘๐’“๐’Š๐’Ž๐’‚ ๐’…๐’Š ๐’Ž๐’†. ๐‘จ๐’๐’…๐’‚๐’•๐’†, ๐’† ๐’Š๐’, ๐’”๐’† ๐‘ซ๐’Š๐’ ๐’Ž๐’Š ๐’‘๐’†๐’“๐’…๐’๐’๐’‚ ๐’Š ๐’Ž๐’Š๐’†๐’Š ๐’‘๐’†๐’„๐’„๐’‚๐’•๐’Š, ๐’”๐’‘๐’†๐’“๐’ ๐’…๐’Š ๐’“๐’‚๐’ˆ๐’ˆ๐’Š๐’–๐’๐’ˆ๐’†๐’“๐’—๐’Š ๐’‘๐’“๐’†๐’”๐’•๐’ ๐’Š๐’ ๐‘ช๐’Š๐’†๐’๐’โ€. E Santa Luisa, poco prima di mezzogiorno, dolcemente spirava. Poco prima aveva raccomandato alle sue Figlie di vivere da buone Figlie della Caritร  nellโ€™unione e nella pace. โ€œSi รจ congedata dalla terra in silenzio, alla buona, semplicemente, cosรฌ come si devono compiere tutte le nostre azioni, per piacere a Dio!โ€
(๐ถ๐‘œ๐‘ ๐‘ก๐‘’, ๐ผ, 421-426).
 
Auguri a tutta la Famiglia Vincenziana, in modo particolare alle nostre Figlie della Caritร .