Spiritualità vincenziana

"Datemi un uomo di preghiera, sarà capace di tutto!"

San Vincenzo De Paoli

Siamo sacerdoti e fratelli che...

Crediamo nella Provvidenza Divina

San Vincenzo aveva una profonda fede e fiducia nella provvidenza di Dio per lui e per tutte le persone, specialmente i poveri.

Ci sforziamo di essere i contemplativi in azione

San Vincenzo e Santa Luisa stabilirono una nuova forma di vita religiosa: una fusione non claustrale ed efficace tra il divino e l'umano, il soprannaturale e il pratico, il contemplativo e l'attivo. Attraverso il loro incontro con il Cristo di mitezza e compassione nella preghiera, i vincenziani sono pronti ad uscire e ad assistere lo stesso Cristo nei poveri.

Diamo la precedenza ai poveri

La carità cristiana che siamo chiamati a praticare non è dare via ai poveri la sinistra, il nostro tempo libero, i nostri soldi extra, i nostri vecchi vestiti, ecc. La carità per noi deve significare dare il meglio e, a volte, tutto. La nostra vita deve riflettere la vita di Gesù Cristo che ci ha chiamati a questa grande vocazione di amore. Il nostro rispetto per la dignità delle persone povere deve portarci a trattarli come ospiti al nostro tavolo di famiglia e non come mendicanti al nostro cancello, in attesa delle briciole.

Pratichiamo la riflessione apostolica

Avendo incontrato una persona povera, o seguendo un'esperienza di servizio ai poveri, riflettiamo insieme su quell'esperienza e le sue implicazioni attraverso la preghiera e lo studio della Bibbia. In questo modo iniziamo ad imparare come affrontare la nostra stessa povertà interiore. La spiritualità vincenziana sostiene che questa contemplazione fornisce una chiave esperienziale che può aiutare a sbloccare il vero significato.

Crediamo che i poveri sono i nostri maestri

Crediamo che i poveri abbiano qualche pretesa sul nostro tempo. Proprio come un subordinato sarebbe deferente verso qualcuno di autorità superiore, mostriamo un profondo rispetto, persino la devozione, per coloro che sono poveri. Il nostro discorso è semplice. Ci neghiamo di cose e piaceri per poter essere solidali con una persona povera; in modo che non si sentano in imbarazzo dalla nostra presenza. Andiamo da loro; non loro vengono sempre da noi. Rimaniamo disponibili e gentilmente disposti quando li salutiamo. Mostriamo pazienza, quando le persone possono essere esigenti o addirittura arrabbiate. Ascoltiamo attentamente loro e consideriamo prima i loro bisogni. Devono avere voce in capitolo su come potrebbero reindirizzare le loro vite.

Abbiamo una presenza secolare

Sin dall'inizio, il ruolo dei laici è stato fondamentale per la nostra missione. I laici hanno rivelato i bisogni dei poveri a San Vincenzo sia a Folleville che a Chatillon-les-Dombes. Si potrebbe dire che i laici hanno portato San Vincenzo ai poveri. Oggi la Famiglia Vincenziana condivide ancora un carattere secolare. Il carisma deriva da un'associazione con i laici (SSVP, AMM, JMV, AIC, MISEVI).

Siamo sacerdoti e fratelli che...

Crediamo nella Provvidenza Divina

San Vincenzo aveva una profonda fede e fiducia nella provvidenza di Dio per lui e per tutte le persone, specialmente i poveri.

Ci sforziamo di essere i contemplativi in azione

San Vincenzo e Santa Luisa stabilirono una nuova forma di vita religiosa: una fusione non claustrale ed efficace tra il divino e l'umano, il soprannaturale e il pratico, il contemplativo e l'attivo. Attraverso il loro incontro con il Cristo di mitezza e compassione nella preghiera, i vincenziani sono pronti ad uscire e ad assistere lo stesso Cristo nei poveri.

Diamo la precedenza ai poveri

La carità cristiana che siamo chiamati a praticare non è dare via ai poveri la sinistra, il nostro tempo libero, i nostri soldi extra, i nostri vecchi vestiti, ecc. La carità per noi deve significare dare il meglio e, a volte, tutto. La nostra vita deve riflettere la vita di Gesù Cristo che ci ha chiamati a questa grande vocazione di amore. Il nostro rispetto per la dignità delle persone povere deve portarci a trattarli come ospiti al nostro tavolo di famiglia e non come mendicanti al nostro cancello, in attesa delle briciole.

Pratichiamo la riflessione apostolica

Avendo incontrato una persona povera, o seguendo un'esperienza di servizio ai poveri, riflettiamo insieme su quell'esperienza e le sue implicazioni attraverso la preghiera e lo studio della Bibbia. In questo modo iniziamo ad imparare come affrontare la nostra stessa povertà interiore. La spiritualità vincenziana sostiene che questa contemplazione fornisce una chiave esperienziale che può aiutare a sbloccare il vero significato.

Crediamo che i poveri sono i nostri maestri

Crediamo che i poveri abbiano qualche pretesa sul nostro tempo. Proprio come un subordinato sarebbe deferente verso qualcuno di autorità superiore, mostriamo un profondo rispetto, persino la devozione, per coloro che sono poveri. Il nostro discorso è semplice. Ci neghiamo di cose e piaceri per poter essere solidali con una persona povera; in modo che non si sentano in imbarazzo dalla nostra presenza. Andiamo da loro; non loro vengono sempre da noi. Rimaniamo disponibili e gentilmente disposti quando li salutiamo. Mostriamo pazienza, quando le persone possono essere esigenti o addirittura arrabbiate. Ascoltiamo attentamente loro e consideriamo prima i loro bisogni. Devono avere voce in capitolo su come potrebbero reindirizzare le loro vite.

Abbiamo una presenza secolare

Sin dall'inizio, il ruolo dei laici è stato fondamentale per la nostra missione. I laici hanno rivelato i bisogni dei poveri a San Vincenzo sia a Folleville che a Chatillon-les-Dombes. Si potrebbe dire che i laici hanno portato San Vincenzo ai poveri. Oggi la Famiglia Vincenziana condivide ancora un carattere secolare. Il carisma deriva da un'associazione con i laici (SSVP, AMM, JMV, AIC, MISEVI).

Casa Provinciale

Via Pompeo Magno 21- 00192 Roma
T: +39 06 328021
Copyright 2018 - Tutti i diritti riservati - Powerade by Nova Opera